Papa Francesco in Bulgaria esorta gli scettici ad aprire cuori e case ai migranti

SOFIA, Bulgaria (AP) – Papa Francesco ha invitato domenica i bulgari ad aprire i loro cuori e le loro case ai migranti, sostenendo che un paese come la Bulgaria, che sta perdendo gran parte della sua popolazione verso l’emigrazione, dovrebbe ben capire le forze che spingono le persone a cercare vite migliori altrove.

Papa Francesco celebra la messa in piazza Knyaz Alexandar, a Sofia, domenica 5 maggio 2019.

Papa Francesco in Bulgaria esorta scettici ad aprire cuore ai migranti
Papa Francesco visita la Bulgaria, il paese più povero dell’Unione Europea e che ha preso una linea dura contro i migranti, una posizione che confligge con l’opinione del pontefice per cui raggiungere le persone vulnerabili è un imperativo morale.
Arrivato nella nazione balcanica per una visita di due giorni, Papa Francesco “ha rispettosamente suggerito” che i bulgari riconoscono che i migranti fuggono da guerre, conflitti o povertà estrema “per trovare nuove opportunità nella vita o semplicemente un rifugio sicuro”.

“A tutti i bulgari, che hanno familiarità con il dramma dell’emigrazione, vi suggerisco rispettosamente di non chiudere gli occhi, i cuori o le mani – secondo la vostra migliore tradizione – a quelli che bussano alla vostra porta”, ha detto ai funzionari del governo al palazzo presidenziale a Sofia, la capitale.

Il governo bulgaro di centrodestra e filo-coalizione di Bruxelles comprende tre partiti nazionalisti e anti-migranti. Il governo ha chiesto che l’Unione europea chiuda i suoi confini ai migranti e ha sigillato la propria frontiera con la Turchia con un recinto di filo spinato.

Ma il paese sta anche perdendo la sua popolazione in un clip più veloce di qualsiasi altra nazione, secondo gli USA. Gli attuali 7 milioni di abitanti della Bulgaria diminuiranno a 5,4 milioni nel 2050 ea 3,9 milioni entro la fine del secolo.

Il papa argentino ha reso la condizione dei migranti e dei rifugiati un segno distintivo del suo papato, esortando i governi a costruire ponti, non muri, e a fare il possibile per accogliere e integrare i rifugiati. La sua visita cade solo tre settimane prima delle elezioni del Parlamento europeo in tutte le 28 nazioni dell’UE in cui ci si aspetta che i partiti nazionalisti e anti-migranti facciano una dimostrazione solida.

Lunedì, Papa Francesco visiterà un centro per rifugiati in una ex scuola alla periferia di Sofia. Gruppi per i diritti umani hanno criticato la Bulgaria e la commissione esecutiva dell’UE ha formalmente citato il governo sul trattamento riservato ai richiedenti asilo, in particolare i minori non accompagnati. Il centro Vrazhdebna che il papa intende visitare, il centro di accoglienza per immigrati di punta in Bulgaria, è stato rinnovato con fondi europei.

Radostina Belcheva del Consiglio delle donne rifugiate in Bulgaria ha affermato che la visita di Francesco mostrerà solidarietà a chi è nel bisogno. “Ma in realtà, tutta la loro accettazione è una questione per ognuno di noi e per la nostra società”, ha dichiarato Belcheva all’Associated Press.

Il duro atteggiamento della Bulgaria nei confronti dei rifugiati è stato un deterrente: mentre circa 20.000 persone hanno fatto richiesta di asilo in Bulgaria nel 2015, il numero è diminuito a 2.500 l’anno scorso, secondo l’agenzia di stato dei rifugiati.

Dal punto di vista economico, tuttavia, la nazione più povera dell’UE potrebbe aver bisogno di più immigrazione per stabilizzare il suo futuro. La Bulgaria ha il più alto tasso di mortalità dell’UE e uno dei più bassi tassi di natalità del blocco. Questo, combinato con decine di migliaia di lavoratori che escono ogni anno dal paese per trovare posti di lavoro più remunerativi, pone seri problemi per il finanziamento del sistema pensionistico del paese.

La Bulgaria ha lo stipendio medio mensile più basso dell’UE – 575 euro (645 dollari) – e la sua pensione media mensile più piccola, a 190 euro (213 dollari). Nel suo discorso domenicale, Papa Francesco ha esortato il governo a continuare a lavorare per invertire questo “nuovo inverno demografico”, affermando che il fenomeno della contrazione della popolazione era “calato come una cortina di ghiaccio in gran parte dell’Europa, conseguenza di una diminuita fiducia nel futuro “.

Ha esortato la Bulgaria a “sforzarsi di creare condizioni che spingano i giovani a investire le energie giovanili e a pianificare il loro futuro, come individui e famiglie, sapendo che nella loro patria possono avere la possibilità di condurre una vita dignitosa”.

In seguito, Papa Francesco incontrò il capo della Chiesa ortodossa bulgara, il patriarca Neofito, durante una visita al quartier generale del Santo Sinodo, l’organo direttivo della chiesa. Papa Francesco baciò Neofito tre volte sulla guancia e in un gesto di rispetto, si sporse per baciare il suo medaglione raffigurante un’immagine di Cristo.

La chiesa conservatrice bulgara non partecipa al dialogo ufficiale cattolico-ortodosso e ha anche snobbato un consiglio pan-ortodosso a Creta nel 2016. Il Santo Sinodo ha chiarito che non prenderà parte a nessun servizio o preghiera comune con il papa, sebbene un coro di bambini dovrebbe cantare per lui.

Papa Francesco ha cercato di incoraggiare maggiori percorsi di dialogo nelle sue osservazioni a Neofito, un riflesso degli sforzi di vecchia data del Vaticano per sanare lo scisma di 1.000 anni che divideva il cristianesimo.
Francesco lamentava le “ferite” della divisione e la “nostalgia fraterna” di essere unificati.

Ma Neofito ha tenuto duro nel suo discorso, dicendo che la Chiesa ortodossa bulgara rimarrebbe i custodi del vero cristianesimo: “Siamo fermamente convinti che per tutto ciò che riguarda la fede, non ci possono e non devono esserci compromessi”, ha detto a Papa Francesco.

Papa Francesco ha anche pregato nella cattedrale ortodossa di St. Alexander Nevsky dalla cupola dorata prima delle immagini di due dei più importanti santi dell’ortodossia, Cirillo e Metodio, che diffuse la fede in questa parte dell’Europa nel IX secolo. Si è seduto su una sedia da solo davanti alle immagini – prova del rifiuto della leadership bulgara di pregare insieme a lui.

Più tardi nel pomeriggio, il papa ha servito la minuscola comunità cattolica della Bulgaria in una messa a cielo aperto che secondo gli organizzatori ha richiamato circa 12.000 persone. Indossando paramenti consegnati dal primo ministro bulgaro, ha esortato i fedeli a lanciare una “rivoluzione della carità” ispirata all’amore di Dio.

Nonostante il piccolo numero di cattolici del paese, i bulgari amano particolarmente una delle figure più importanti della Chiesa cattolica del XX secolo, Papa Giovanni XXIII. L’ex Angelo Roncalli fu l’inviato vaticano in Bulgaria dal 1925 al 1934 ed è conosciuto affettuosamente come il “papa bulgaro” qui.

Papa Francesco è stato accolto all’aeroporto dal primo ministro Boyko Borissov, che insieme ai paramenti ha dato al papa un regalo personale: una vasca di yogurt bulgaro. Borissov ha ricordato che Papa Francesco gli aveva detto che in precedenza aveva sentito parlare della Bulgaria da bambino in Argentina quando sua nonna gli aveva dato da mangiare yogurt della Bulgaria.

Ricevendo il regalo, Papa Francesco ha esclamato “Conosci la mia storia!”

FONTE: dailyviewsonline.com
AUTORE: Valentina Petrova da Sofia.
IMMAGINE: dailyviewsonline.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.