Che cosa é il getto polare antartico

[corner-ad id=1] 

Il Getto Polare Antartico è un massiccio sistema meteorologico che circonda perennemente l’intero continente meridionale; se si mettono insieme le immagini di 17 satelliti diversi, che monitorano il polo sud, è possibile osservare un gigantesco mulinello, alimentato e sospinto dal movimento della rotazione terrestre.

Quando l’aria calda e umida migra a sud comincia a girare vorticosamente e forma un enorme sistema invisibile chiamato appunto “getto polare”; di conseguenza i venti incessanti spingono l’acqua del mare verso il basso.

L’oceano antartico è l’unico parallelo al mondo su cui non c’è traccia di terra ferma; per cui un enorme corrente circolare volteggia senza tregua: la corrente oceanica è la più forte ed insistente del pianeta, è una combinazione di vapore, acqua, vento e forma della terra che fa urlare i “60”.
Il getto polare è tanto potente che isola l’Antartide da resto del mondo, impedendo al calore e all’umidità di raggiungere l’interno, creando dunque il luogo più secco, freddo e ventoso del pianeta.
Qui le tormente sono causate dalle raffiche che sollevano la neve dal suolo piuttosto che dalle precipitazioni. L’aria, densa e gelida, causa diretta del getto polare, mantiene l’intero continente estremamente freddo.

In inverno le condizioni estreme innescano un meraviglioso processo vitale che avviene sotto lo strato di ghiaccio; avviene se si supera una “soglia critica”, cioè quando lo strato superiore dell’oceano scende sotto lo zero di un grado e mezzo.
Che cosa é il getto polare antarticoA questo punto si attiva allora un’altra importante proprietà dell’acqua salina: in superficie il mare comincia a gelare, a livello microscopico piccoli cristalli di ghiaccio cominciano ad espandersi, legandosi gli uni agli altri.

Ghiacciandosi l’acqua di mare è costretta a rilasciare il sale che contiene, così l’acqua ghiacciata diventa ancora più salata e forma una corrente salmastra che gocciola in tubi, stretti ed allungati, nel ghiaccio appena formatosi.

L’acqua salata è più densa della comune acqua marina e tende a scendere verso il fondale: l’acqua salata è pesante e porta con sé l’ossigeno dell’aria presente in superficie, trasferendolo negli abissi dell’oceano.
La formazione di ghiaccio aumenta in proporzioni e rapidità, ben presto cominceranno ad apparire larghe chiazze in superficie, che si ispessiranno in una massa solida.
Ciò che iniziato con un processo microscopico sarà visibile dallo spazio in soli pochi giorni, grazie ai satelliti artificiali.
Negli ultimi rilevamenti satellitari i sensori sottomarini mostrano un’antica eppure invisibile conseguenza di questa eccezionale trasformazione: ogni secondo un milione e mezzo di metri cubi d’acqua densa e salata cala verso il fondale, una corrente verticale irrefrenabile; quando l’acqua tocca il fondale si espande per centinaia di chilometri, e scende a cascata sulla piattaforma continentale.
E’ una gigantesca cascata sottomarina, mai vista da occhio umano, un getto paragonabile a 500 milioni di cascate del Niagara.
L’acqua salata densa fredda e ricca di ossigeno cade lentamente e senza rumore sul fondo degli abissi. Non tornerà in superficie per almeno 1000 anni.
Ma c’è un’interessante animazione che sfruttando i dati del satellite ci illustra la meraviglia che avviene dopo.
Si può ammirare come, congiuntamente ad altre misurazioni, il “flusso antartico” riporta l’acqua verso l’equatore; una corrente di fondo costante di liquido freddo e salato che migra verso nord.
Mentre queste correnti viaggiano silenziosamente, rimescolano e raffreddano tutti gli oceani del pianeta: questo antico sistema regola la temperatura media dell’acqua affinché non superi il mezzo grado.
E’ proprio tale stabilità che ha permesso alla vita di prosperare proteggendola dagli eccessivi sbalzi climatici dell’intero pianeta.
Quando finalmente le acque profonde ritornano in superficie comincia un’esistenza più dinamica, determinata dal rimescolamento con correnti più calde e veloci: visto dei satelliti l’insieme degli oceani appare come una unica e sconfinata massa turbinosa.
Queste correnti superficiali hanno una temperatura variabile a seconda dell’energia che ricevono dal sole, questo a sua volta determina la quantità di vapore rilasciata nell’atmosfera: sono queste le variazioni che influenzano i cambiamenti stagionali, sia sulla terra che negli oceani.
Tokke_sign8

 


Che cosa é il getto polare antartico

Tags

About the author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.